En
"Il Milion" cinese. Il viaggio al contrario della Cina in Italia - Giugno 2019 - 12/06/2019 [ leggi ]
L'export italiano tra rallentamento mondiale e "cigni neri" - Aprile 2019 - 16/04/2019 [ leggi ]
Nuovo fronte caldo in Medio Oriente. Ma l’economia degli Emirati non sembra risentirne - Gennaio 2019 - 21/01/2019 [ leggi ]
Una “banca dell’Iran” in Germania per aggirare le sanzioni - Luglio 2018 - 25/07/2018 [ leggi ]
L'attacco di Trump alla Russia, e il prezzo dei metalli vola - Maggio 2018 - 23/05/2018 [ leggi ]
Trade War - Aprile 2018 - 30/04/2018 [ leggi ]
Dall’“American first” di Trump, un’opportunità anche per l’export italiano - Marzo 2018 - 23/03/2018 [ leggi ]
Euro forte: rischio per l’export se non si fa hedging - Dicembre 2017 - 19/12/2017 [ leggi ]
L’economia guarda ad est. Arabia Saudita e Russia nuovi padroni del petrolio. - Luglio 2017 - 11/07/2017 [ leggi ]
Post-Trump nuovi scenari per la Russia e il rublo si rafforza - Maggio 2017 - 02/05/2017 [ leggi ]

Stagno

Lo stagno è stato introdotto alla Borsa Metalli di Londra, LME, nel 1912, è stato sospeso nel 1985, a causa della forte crisi del settore della latta, per poi rientrare definitivamente nel 1989.

Caratteristiche specifiche del contratto Future dello Stagno

Contratto: Stagno al 99.85% con riferimento a BS3252:1986
Size del lotto: 5 tonnellate (con una tolleranza di +/- 2%)
Margini per Lot: $8.010
Forme: Lingotti
Quotazione: USD

Lo stagno è un elemento chimico nella tavola periodica che ha simbolo Sn e Numero atomico 50. Questo metalo argenteo e malleabile, che non si ossida facilmente all'aria e resiste alla corrosione si usa in molte leghe e per ricoprire altri metalli più vulnerabili alla corrosione. Lo stagno si ottiene soprattutto dalla cassiterite, un minerale in cui è presente sotto forma di ossido.

Caratteristiche

Lo stagno è un metallo malleabile e duttile bianco argenteo, con una struttura cristallina particolare che provoca uno stridio caratteristico quando una barra di stagno viene piegata (il rumore è causato dalla rottura dei cristalli): se riscaldato, perde la sua duttilità e diventa fragile. Questo metallo resiste alla corrosione da acqua marina distillata e da acqua potabile, ma può essere attaccato da acidi forti, da alcali e da sali acidi. Lo stagno agisce da catalizzatore in presenza di ossigeno disciolto nell'acqua, che accelera l'attacco chimico.
Lo stagno forma molecole biatomiche Sn 2 se riscaldato all'aria. Questa forma biatomica è leggermente acida e forma dei sali (stannati) se a contatto con degli ossidi basici. Lo stagno può essere facilmente lucidato a specchio e usato come rivestimento protettivo per altri metalli, allo scopo di proteggerli dalla corrosione e dagli agenti chimici. esso si combina inoltre con il cloro e l'ossigeno, e sposta l'idrogeno dagli acidi in soluzione .

Applicazioni

Lo stagno si lega facilmente col ferro ed è stato usato in passato per rivestire piombo, zinco e acciaio per impedirne la corrosione.
I contenitori, lattine e scatolette, in banda stagnata (lamierino di acciaio stagnato) sono tutt'ora largamente usati per conservare i cibi, un uso che copre gran parte del mercato mondiale dello stagno metallico.
Circa 35 paesi nel mondo hanno miniere di stagno in attività, e praticamente in ogni continente c'è un importante produttore di stagno. Lo stagno metallico si produce riducendo il minerale con carbone in una fornace a riverbero. L'elemento stagno è relativamente scarso nella crosta terrestre, con una abbondanza relativa di circa 2 ppm, a paragone con le 94 ppm per lo zinco, le 63 ppm per il rame e le 12 ppm per il piombo. La maggior parte dei giacimenti di stagno del mondo sono di natura alluvionale, e metà di essi è nel sudest asiatico L'unico minerale importante dal punto di vista estrattivo è la cassiterite (Sno 2), ma piccole quantità di stagno si possono ottenere anche da solfuri complessi come stannite,cilindrite e tealite

Precauzioni

Le piccole quantità di stagno che si possono trovare nei cibi in scatola non sono dannose per gli esseri umani.