En
L'export italiano tra rallentamento mondiale e "cigni neri" - Aprile 2019 - 16/04/2019 [ leggi ]
Nuovo fronte caldo in Medio Oriente. Ma l’economia degli Emirati non sembra risentirne - Gennaio 2019 - 21/01/2019 [ leggi ]
Una “banca dell’Iran” in Germania per aggirare le sanzioni - Luglio 2018 - 25/07/2018 [ leggi ]
L'attacco di Trump alla Russia, e il prezzo dei metalli vola - Maggio 2018 - 23/05/2018 [ leggi ]
Trade War - Aprile 2018 - 30/04/2018 [ leggi ]
Dall’“American first” di Trump, un’opportunità anche per l’export italiano - Marzo 2018 - 23/03/2018 [ leggi ]
Euro forte: rischio per l’export se non si fa hedging - Dicembre 2017 - 19/12/2017 [ leggi ]
L’economia guarda ad est. Arabia Saudita e Russia nuovi padroni del petrolio. - Luglio 2017 - 11/07/2017 [ leggi ]
Post-Trump nuovi scenari per la Russia e il rublo si rafforza - Maggio 2017 - 02/05/2017 [ leggi ]
Export & Mercati: l'hedging - Novembre 2016 - 30/11/2016 [ leggi ]

News Lug 2016

05
Lug 2016

Brexit: what next?

L’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea è stato sicuramente l’evento protagonista di quest’ultimo periodo, e il risultato di tale scelta da parte dei cittadini del Regno Unito ha creato un’alta incertezza sui mercati finanziari che molto probabilmente si prolungherà fino a quando non inizieranno i negoziati tra il Paese oltre manica e l’Unione Europea. La particolarità di questo evento è una mancanza di osservazioni passate che complica non poco le capacità predittive dei principali modelli economici.  Il risultato è un aumento generale dell’incertezza degli investitori, caratteristica che solitamente i mercati finanziari prezza in maniera negativa. Tuttavia, dopo una settimana dal voto referendario inglese abbiamo assistito ad uno storno correttivo al rialzo da parte dei principali listini europei con addirittura il FTSE 100, indice equity che traccia l’andamento delle società Blue-Chip inglesi, che ha recuperato del tutto i ribassi registrati nell’imminente post voto. A questo punto quello che risulta essere fondamentale è avere un’idea degli scenari futuri con le rispettive probabilità. In questo contesto gli scenari più probabili sono tre, ovvero:

  1. Soft Brexit
  2. Bremain
  3. Hard Brexit

A seguire una tabella riportante una descrizione dei tre scenari sopra indicati.

Scenario

Probabilità

Impatto sull’economia britannica

Risposta della banca centrale inglese

“Contagio” politica europea

Soft Brexit: la Gran Bretagna entra nel EEA o nell’EFTA

Alta

Debolezze economiche nel medio periodo fino ad approvazione EEA o EFTA

Tagli dei tassi d’interesse fino allo 0%

I partiti anti-Europa conquistano terreno

Bremain: l’articolo 50 viene bloccato o non c’è uscita da UE dopo nuove elezioni

Medio/Bassa

Crescita a breve termine debole

Tassi d’interesse bassi per un lungo periodo

Contenuto

Hard Brexit: relazioni antagonistiche tra UK e UE con protezionismo

Bassa

Recessione. Caduta della fiducia dei consumatori e delle aziende

Taglio dei tassi fino al territorio negativo

Rottura totale dell’Europa

Concludendo, lo scenario che risulta essere il più probabile è quello in cui la Gran Bretagna riesca a contrattare degli accordi con l’Unione Europea in modo tale da rientrare nell’EEA (Eropean Economic Area) e/o nell’EFTA (European Free Trade Area). Tuttavia, uno dei requisiti principali per essere ammessi nell’EEA è la libera circolazione delle persone, che però è stato uno dei motivi principali che ha fatto optare gli inglesi per uscire dall’Unione Europea col obiettivo di risolvere il problema dell’immigrazione. Insomma, nonostante tale scenario risulti essere il più probabile l’incertezza rimane alta e presente.