En
L'export italiano tra rallentamento mondiale e "cigni neri" - Aprile 2019 - 16/04/2019 [ leggi ]
Nuovo fronte caldo in Medio Oriente. Ma l’economia degli Emirati non sembra risentirne - Gennaio 2019 - 21/01/2019 [ leggi ]
Una “banca dell’Iran” in Germania per aggirare le sanzioni - Luglio 2018 - 25/07/2018 [ leggi ]
L'attacco di Trump alla Russia, e il prezzo dei metalli vola - Maggio 2018 - 23/05/2018 [ leggi ]
Trade War - Aprile 2018 - 30/04/2018 [ leggi ]
Dall’“American first” di Trump, un’opportunità anche per l’export italiano - Marzo 2018 - 23/03/2018 [ leggi ]
Euro forte: rischio per l’export se non si fa hedging - Dicembre 2017 - 19/12/2017 [ leggi ]
L’economia guarda ad est. Arabia Saudita e Russia nuovi padroni del petrolio. - Luglio 2017 - 11/07/2017 [ leggi ]
Post-Trump nuovi scenari per la Russia e il rublo si rafforza - Maggio 2017 - 02/05/2017 [ leggi ]
Export & Mercati: l'hedging - Novembre 2016 - 30/11/2016 [ leggi ]

News Set 2014

30
Set 2014

LA FINE DELL’ETA’ DEL (MINERALE DI) FERRO

LA FINE DELL’ETA’ DEL (MINERALE DI) FERRO

Le quotazioni del minerale di ferro hanno proseguito la fase correttiva anche nel corso del mese di settembre con i corsi che hanno avvicinato area $77,00 per tonnellata andando a testare i minimi visti nel settembre 2009. Il movimento ribassista, tuttavia, non sembra pronto ad una conclusione come evidenziato dalla forza delle flessioni registrate nel corso del mese, tanto da portare molte banche d’affari a credere nella fine dell’era del minerale di ferro proprio a causa dei continui cali di prezzo.

Tuttavia il ribasso delle quotazioni è stato favorito proprio dall’aumento indiscriminato della produzione da parte delle principali società minerarie beneficiando dei bassi costi produttivi e da ampi margini (Rio Tinto, BHP Billiton e Fortescue Metals attive nell’estrazione di minerale di ferro a Pilbara in Australia beneficiano di costi di estrazione stimati tra i $45 per tonnellata di Rio Tinto ed i $47 per tonnellata di BHP Billiton). Tuttavia gli attuali cali mettono in discussione tale politica anche alla luce del rallentamento macroeconomico visto in Cina dove un “hard landing” appare possibile dopo i richiami a possibili revisioni di crescita del PIL al di sotto del 7,5% e potenzialmente anche inferiori al 7% nel 2015.

Questo potrebbe portare un notevole aumento del surplus dell’offerta, che secondo Goldman Sachs per questo dovrebbe essere pari a 52 milioni di tonnellate quest’anno mentre per il 2015 dovrebbero triplicarsi raggiungendo i 163 milioni di tonnellate. La crescita, poi, sarebbe esponenziale e l’eccedenza produttiva arriverebbe a toccare i 245 milioni di tonnellate nel 2016, i 295 milioni di tonnellate nel 2017 e 334 milioni di tonnellate nel 2018. Una situazione che sarebbe insostenibile per i prezzi che potrebbero tornare al di sotto dei più bassi livelli di costo produttivo portando alla sospensione dell’attività mineraria favorendo l’inversione di tendenza.

 

Livelli PIVOT

Eur-Usd:

(R1) 1,2712

(R2) 1,2739

(R3) 1,2791

  -

(S1) 1,2660

(S2) 1,2635

(S3) 1,2583

Oro:

(R1) 1.224

(R2) 1.228

(R3) 1.237

  -

(S1) 1.215

(S2) 1.210

(S3) 1.201

WTI:

(R1) 94,41

(R2) 95,48

(R3) 97,38

  -

(S1) 92,51

(S2) 91,68

(S3) 89,78

Brent:

(R1) 97,45

(R2) 97,99

(R3) 99,03

  -

(S1) 96,41

(S2) 95,91

(S3) 94,87

Alluminio:

(R1) 1.975

(R2) 1.984

(R3) 2.012

  -

(S1) 1.947

(S2) 1.929

(S3) 1.901

Rame:

(R1) 6.784

(R2) 6.834

(R3) 6.942

  -

(S1) 6.676

(S2) 6.617

(S3) 6.508

Nichel:

(R1) 16.884

(R2) 17.108

(R3) 17.501

  -

(S1) 16.491

(S2) 16.322

(S3) 15.929

Piombo:

(R1) 2.123

(R2) 2.142

(R3) 2.194

  -

(S1) 2.071

(S2) 2.039

(S3) 1.987

Zinco:

(R1) 2.300

(R2) 2.310

(R3) 2.339

  -

(S1) 2.270

(S2) 2.251

(S3) 2.221

Stagno:

(R1) 20.765

(R2) 21.101

(R3) 21.699

  -

(S1) 20.167

(S2) 19.905

(S3) 19.307