En
L'export italiano tra rallentamento mondiale e "cigni neri" - Aprile 2019 - 16/04/2019 [ leggi ]
Nuovo fronte caldo in Medio Oriente. Ma l’economia degli Emirati non sembra risentirne - Gennaio 2019 - 21/01/2019 [ leggi ]
Una “banca dell’Iran” in Germania per aggirare le sanzioni - Luglio 2018 - 25/07/2018 [ leggi ]
L'attacco di Trump alla Russia, e il prezzo dei metalli vola - Maggio 2018 - 23/05/2018 [ leggi ]
Trade War - Aprile 2018 - 30/04/2018 [ leggi ]
Dall’“American first” di Trump, un’opportunità anche per l’export italiano - Marzo 2018 - 23/03/2018 [ leggi ]
Euro forte: rischio per l’export se non si fa hedging - Dicembre 2017 - 19/12/2017 [ leggi ]
L’economia guarda ad est. Arabia Saudita e Russia nuovi padroni del petrolio. - Luglio 2017 - 11/07/2017 [ leggi ]
Post-Trump nuovi scenari per la Russia e il rublo si rafforza - Maggio 2017 - 02/05/2017 [ leggi ]
Export & Mercati: l'hedging - Novembre 2016 - 30/11/2016 [ leggi ]

News Ago 2014

08
Ago 2014

LA GUERRA DELLE SANZIONI

LA GUERRA DELLE SANZIONI

Il conflitto Russo-Ucraino continua senza interruzione con l’abbattimento del volo della Malaysia Airlines abbattuto sul confine tra Ucraina e Russia l’epilogo di una situazione che sembra non riuscire a trovare una soluzione. L’Europa e gli Stati Uniti hanno continuato a mettere sotto pressione la Russia con nuove sanzioni volte a limitare l’accesso al mercato internazionale di banche ed istituti di credito andando a colpire un settore importante, oltre alle sanzioni per l’export da parte delle aziende russe verso Usa e Canada. La risposta di Putin non si è fatta attendere, come promesso, ed ha portato al divieto totale di importazione di prodotti agricoli provenienti da Stati Uniti, Unione europea, Australia, Canada e Norvegia. In particolare le contro sanzioni russe prevedono il divieto totale delle importazioni di carne di manzo e maiale, pollo, pesce e frutti di mare, latte e latticini, frutta e verdura a cui potrebbero aggiungersi anche i divieti di sorvolo dei cieli russi da parte delle compagnie battenti bandiera di uno dei paesi sanzionatori e diretti in Asia.

Naturalmente il divieto di importazioni da parte della Russia dei prodotti sopracitati ha effetti negativi anche alla Russia, dovendo rivolgersi ad altri paesi per poter importare beni di prima necessità. In particolare il Brasile ha intensificato i rapporti con la Russia ottenendo ulteriori autorizzazioni per esportare carne in Russia. Secondo quanto riportato dal Ministro dell’Agricoltura Russo, altri cinque aziende hanno ottenuto i permessi per esportare carne bovina in Russia. La Russia, pertanto, intensifica i rapporti con i paesi BRICS anche alla luce dell’incontro avvenuto una paio di settimana fa in Brasile e che ha visto la creazione di una banca per lo sviluppo dei paesi membri.

Tuttavia, nonostante la guerra delle sanzioni continui a non contrastare le schermaglie tra le due fazioni, la recente relazione del numero uno della NATO, Rasmussen, riporta una situazione peggiore di quanto fino ad ora visto ribadendo come i filo-russi continuino ad avere il pieno appoggio della Russia anziché assistere ad un de-escalation del conflitto.

 

Livelli PIVOT

 

Eur-Usd:

(R1) 1,3395

(R2) 1,3424

(R3) 1,3482

  -

(S1) 1,3337

(S2) 1,3308

(S3) 1,3250

Oro:

(R1) 1323

(R2) 1336

(R3) 1352

  -

(S1) 1306

(S2) 1298

(S3) 1285

WTI:

(R1) 98,4

(R2) 99,5

(R3) 100,3

  -

(S1) 96,7

(S2) 96,0

(S3) 94,9

Brent:

(R1) 106,9

(R2) 108,7

(R3) 110,1

  -

(S1) 104,4

(S2) 103,4

(S3) 101,7

Alluminio:

(R1) 2032

(R2) 2044

(R3) 2069

  -

(S1) 2007

(S2) 1994

(S3) 1969

Rame:

(R1) 7017

(R2) 7049

(R3) 7112

  -

(S1) 6954

(S2) 6923

(S3) 6860

Nichel:

(R1) 18993

(R2) 19107

(R3) 19367

  -

(S1) 18733

(S2) 18587

(S3) 18327

Piombo:

(R1) 2279

(R2) 2297

(R3) 2344

  -

(S1) 2232

(S2) 2202

(S3) 2155

Zinco:

(R1) 2356

(R2) 2389

(R3) 2443

  -

(S1) 2303

(S2) 2283

(S3) 2230

Stagno:

(R1) 22447

(R2) 22493

(R3) 22609

  -

(S1) 22331

(S2) 22261

(S3) 22145